Trivelle, Emiliano: "Referendum palo in fronte al governo"

FOGGIA di Redazione AntennaSud

 

"Il governo a quanto pare è in trance agonistica. E il referendum sulle trivelle è come un palo in fronte al governo". E' quanto ha detto il governatore pugliese Emiliano ieri a Foggia, dove ha aprerto la campagna referendaria incontrando i sindaci anti trivelle. 

Il governo sta prendendo diversi pali, uno dietro l'altro e questo delle Tremiti, è il palo più grosso che ha preso sulla fronte, dopo aver incassato per la prima volta nella storia d'Italia il referendum delle Regioni che mirava a bloccare le ricerche petrolifere in Adriatico. Così Michele Emiliano a margine dell'assemblea dei sindaci contrari alla ricerca di idrocarburi e trivellazioni in Adriatico che si è tenuta a Palazzo Dogana, sede della Provincia di Foggia. Il goebrnatore pugliese ha confermato la disponibilità al dialogo con il governo, ma in questo momento è necessario capire qualisiano gli obiettivi. Ieriintanto il via ufficiale alla campagna  referendaria che ha un valore politico, indipendentemente dal quesito che pure è molto rilevante, quello sulla durata delle concessioni, perchè più durano le concessioni, più i rischi per l'ambiente aumentano".

"Con il referendum si chiede al popolo italiano di sapere se pensa che per l'economia nazionale sia indispensabile mettere a rischio un bene, di ordine superiore che è il nostro mare, sia a fini turistici che per l'economia". Quando il popolo italiano si esprimerà al referendum che coinciderà con le amministrative, si potrà riavviare un dibattito positivo sul piano energetico nazionale, tutto sarà più chiaro e sarà più semplice ricominciare il dialogo tra le regioni e il governo.