Tangenti Petruzzelli, nel mirino Pc e telefoni

BARI di redazione AntennaSud

 

Una consulenza tecnica disposta dalla Procura di Bari verificherà il contenuto di computer e telefoni sequestrati dagli agenti della Digos nell'ambito dell'inchiesta su presunte tangenti e appalti truccati.

Contestualmente agli arresti domiciliari nei confronti del direttore amministrativo del teatro, Vito Longo, e di quattro imprenditori, gli investigatori su disposizione del pm Fabio Buquicchio hanno eseguito perquisizioni per acquisire ulteriore documentazione utile alle indagini e materiale informatico.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire, attraverso i contratti degli appalti sospetti e le fatture, il giro di tangenti legato a quelle gare e sperano di trovarne traccia nei pc. Otto fino a questo momento sono gli episodi di presunte mazzette accertati anche grazie a intercettazioni telefoniche, ambientali e video che hanno immortalato i passaggi di denaro.

Il passaggio successivo riguarderà gli accertamenti contabili e altri appalti che potrebbero essere stati pilotati. Ieri i cinque arrestati (oltre a Longo ci sono gli imprenditori Franco Mele, Nicola Losito, Giacomo Delle Noci e Vito Armenise) si sono avvalsi della facoltà di non rispondere dinanzi al gip Gianluca Anglana. Agli atti dell'indagine ci sono almeno tre informative.