Ilva: dati sul web esposto di dodici dipendenti per violazione della privacy

TARANTO  di Redazione AntennaSud

 

 

Dodici dipendenti dell'Ilva hanno presentato un esposto alla questura di Taranto per presunta violazione della privacy in relazione alla pubblicazione dell'elenco delle procedure concorsuali sul sito web www.gruppoilvainas.it inerente l'insinuazione al passivo da parte dei lavoratori del siderurgico davanti al Tribunale fallimentare di Milano. 

Il dipendente in possesso delle credenziali di accesso sulla propria posizione ha avuto la possibilità di visualizzare e consultare la documentazione personale (CU2015, documento di riconoscimento e cedolini paga con relativo codice Iban) degli altri colleghi.  L'azienda in amministrazione straordinaria dell'Ilva, replicando a una richiesta di chiarimenti dell'esecutivo di fabbrica Fim, Fiom e Uilm, aveva sostenuto che non era ravvisabile alcuna violazione in quanto "nell'ambito della disciplina fallimentare attualmente in vigore, la verifica dei crediti - osservava l'Ilva - deve essere svolta consentendo un pieno contraddittorio non solo tra il singolo creditore e l'organo commissariale ma altresì tra gli stessi creditori della procedura". Quindi, "ciascun creditore, al fine di potere esercitare i propri diritti" doveva essere "messo nelle condizioni - aggiungeva l'azienda - di prendere visione delle insinuazioni allo stato passivo formulate dagli altri creditori e dei documenti ad esse allegati".  L'esposto per violazione della privacy è stato presentato per conto degli operai dall'avvocato Ylenja Lucaselli, che oggi ha spiegato i dettagli dell'iniziativa davanti alla sede del Tribunale, alla presenza dell'europarlamentare Rosa D'Amato (M5S) e del lavoratore dell'Ilva Aldo Schied