Taranto:  vandali in azione nella notte di Capodanno,  strade sommerse dai rifiuti e dai balconi piovono frigoriferi e sanitari

TARANTO  di Redazione AntennaSud

 

Due persone sono rimaste ferite in maniera lieve a Taranto per i botti di capodanno, secondo i dati della Questura, ma sono stati numerosi gli atti di vandalismo e molte strade sono state sommerse da rifiuti di ogni genere buttati dai balconi: persino frigoriferi e sanitari.  Diversi anche i cassonetti incendiati o rovesciati al centro delle vie periferiche, alcune delle quali nella notte sono risultate impercorribili. Un uomo di Grottaglie è stato trasportato in codice verde all'ospedale Santissima Annunziata per escoriazioni ad un occhio e un ragazzino di 13 anni di Taranto è stato medicato per lievi ustioni al braccio destro e alla gamba destra (15 giorni di prognosi). Sono state danneggiate auto in sosta e vetrine dei negozi, distrutti parcometri e sradicati contenitori dei medicinali scaduti. Diverse squadre degli operatori dell'Amiu, l'azienda per l'igiene urbana, sono al lavoro per rimuovere i rifiuti e mettere in sicurezza le strade. L'ordinanza firmata la sera del 28 dicembre dal sindaco Ippazio Stefano che vietava l'accensione dei botti è stata in larga misura disattesa.