Marcia della Pace a Molfetta, 23 anni dopo quella di don Tonino

MOLFETTA di Redazione AntennaSud

 

Sono attese decine di migliaia di persone da tutta Italia a Molfetta, per la 48esima Marcia nazionale per la Pace che si svolgerà domani a partire dale 17. Nella città del barese la marcia torna dopo 23 anni da quella che guidò don Tonino Bello, di ritorno da Sarajevo e quattro mesi prima della sua scomparsa.

Sono decine di migliaia le persone attese da tutta Italia alla 48esima Marcia nazionale per la Pace, che si svolgerà domani, ultimo giorno dell'anno, a Molfetta, dove torna dopo 23 anni. L'ultima volta risale al 1992, quando era vescovo don Tonino Bello, che vi partecipò di ritorno da Sarajevo. Le iscrizioni online sono 1.500 ma gli organizzatori prevedono che il numero salga, e che agli iscritti si aggiungeranno migliaia di persone che decideranno di partecipare arrivando direttamente in città. 

L'evento, organizzato dalla diocesi di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi, è patrocinata dall'Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro, Caritas Italiana, Pax Christi e Azione Cattolica Italiana.
I partecipanti saranno accolti domani tra le 15 e le 17, e alle 17.45 partirà la marcia verso la cattedrale di Molfetta, con l'animazione degli operatori Caritas e degli scout. In piazza Paradiso sarà posto a dimora un ulivo, in un terreno di un bene confiscato alla mafia. In cattedrale parlerà don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Alle 19.15 la marcia riprenderà verso la stazione, passando davanti al luogo dove venne ucciso Giovanni Carnicella, ex sindaco di Molfetta. Dopo alcune testimonianze proseguirà verso il Palafiorentini, dove ci saranno altre testimonianze. E poi riprenderà fino alla parrocchia Madonna della pace, dove alle 22.30 sarà celebrata la Messa, trasmessa in diretta da TV2000.