L'ex Manifattura Tabacchi di Bari ospiterà il Cnr

BARI di Redazione AntennaSud

 

"Un centro che riqualificherà la Manifattura e il quartiere". Con queste parole il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha annunciato la ristrutturazione dell'ex fabbrica del quartiere Libertà, che accoglierà sei istituti e circa 650 ricercatori del Centro Nazionale Ricerche di Bari. I lavori dureranno due anni.

L'ex Manifattura Tabacchi diventerà la sede del Cnr. Nei prossimi due anni, l'edificio del Libertà sarà interessato da lavori di riqualificazione che lo porteranno ad ospitare anche i sei istituti di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche, che vede impegnati circa 650 ricercatori. L'accordo per la realizzazione del progetto è stato siglato da Università e Invimit Sgr (Investimenti Immobiliari Italiani Sgr, società di gestione del risparmio del Ministero dell’Economia e finanze).
“Di questa grande opportunità per il territorio cittadino desidero ringraziare personalmente il rettore dell'Ateneo barese, il presidente del CNR e tutti i soggetti coinvolti che, da diversi mesi, sono al lavoro  per portare a termine un'operazione che consentirà non solo di ristrutturare un edificio simbolo della città ma anche di riqualificare e rivitalizzare il quartiere Libertà", ha dichiarato il sindaco di Bari Antonio Decaro. "Se in passato la Manifattura è stata sede di una grande industria di produzione, oggi può diventare un grande centro per l’innovazione sociale e la ricerca scientifica capace di integrarsi con la vita del quartiere e con il processo di rigenerazione urbana e sociale che l’amministrazione comunale sta portando avanti: abbiamo da poco aperto il job centre Porta Futuro e ci accingiamo ad avviare l’iter per Porta Futuro 2, già finanziato con 4,5 mln di euro dalla Regione Puglia", ha annunciato Decaro.