Quarta sconfitta in cinque gare per il Bari

TRAPANI di Redazione AntennaSud

 

A Trapani, ieri, ennesima sconfitta per i biancorossi, battuti 1-0. Squadra fantasma che si sveglia solo a dieci minuti dalla fine e tenta un disperato recupero. Per il tecnico Nicola pioggia di fischi.


Il Bari conclude l’anno nel peggiore dei modi, con una sconfitta, la quarta negli ultimi cinque turni. Dura la contestazione dei tifosi a fine gara. L'ormai ex tecnico dei galletti, Davide Nicola, si affida al 4-3-3 per affrontare il Trapani. Alla lista degli infortunati si aggiuge De Luca, alle prese con una microfrattura ad un dito del piede. A centrocampo si rivede Porcari, out ancora una volta Romizi. In attacco il tridente Maniero-Rosina-Sansone.
L’avvio di gara non è dei migliori, e dopo dieci minuti di studio il primo tiro in porta è dei padroni di casa. All’11' Nadarevic, servito in verticale, gira di sinistro in corsa con Guarna a deviare in angolo. La risposta del Bari è sui piedi di Donkor che, da posizione decentrata in area trapanese, prova il destro di potenza ma la conclusione è alta.
Il Trapani ha un’occasione al quarto d’ora con Fazio che scatta sul limite del fuorigioco e sfrutta una palla a campanile incornando di prima intenzione ma il colpo di testa lambisce il palo. I ragazzi di Nicola possono passare in vantaggio al 27′, quando Di Cesare riesce a crossare al centro scavalcando il portiere, ma Maniero non si fa trovare al posto giusto e l’occasione sfuma. I biancorossi chiudono il primo tempo in attacco. Al 44′ ci prova Valiani che sfrutta un appoggio di Maniero e dal limite dell’area tira di destro concludendo però debolmente e alto.
Nella ripresa il Bari parte subito all’attacco e dopo appena 15 secondi va al tiro in porta con Sansone che lascia partire un sinistro potente ma centrale. Ma è solo uno sprazzo, infatti i ragazzi di Cosmi si spingono in avanti e ci provano al 9′ con Eramo che dal limite dell’area di rigore calcia un tiro velenosissimo che impegna Guarna sul primo palo. Poi al 13′, cross dalla sinistra per Nadarevic che gira a rete ma la risposta dell’estremo biancorosso con la mano di richiamo è strepitosa. Sul corner successivo arriva il vantaggio del Trapani. La palla giunge al centro dell’area, lì dove Fazio può saltare totalmente indisturbato e infilare di testa per l’1-0. È una batosta per i biancorossi e Davide Nicola corre ai ripari inserendo Boateng per Rosina, e Petropoulos per Gemiti. Ma i cambi servono a poco. Al 31′ il Trapani ha l’occasione per raddoppiare ma Montalto, si divora la rete a un metro da Guarna. Passa un minuto e Valiani decide di provare a sorprendere il portiere avversario con un tiro da fuori area ma calcola male l’angolazione e la sfera termina sul fondo. La spinta biancorossa nel finale è quella della disperazione. A cinque minuti dalla fine della partita ci prova ancora una volta Sansone, la punizione dell’attaccante è perfetta, così come lo è la risposta di Nicolas che vola sulla destra e salva il risultato. Non succede più nulla fino alla fine. Il Bari perde malamente e il presidente Paparesta decide di esonerare il tecnico piemontese.