Compie 50 anni la rassegna di pittura "Città di Mottola"

MOTTOLA di Redazione AntennaSud

 

Resterà aperta fino al 5 gennaio, al Palazzo della Cultura di Mottola, la mostra di pittura firmata Giovanni Rogante. Edizione speciale per la rassegna internazionale, giunta alla 50esima edizione.

Mezzo secolo per la rassegna internazionale di pittura Città di Mottola, firmata Giovanni Rogante. Nel Palazzo della Cultura in via Salvo d'Acquisto inaugurata la cinquantesima edizione, alla presenza di numerose autorità civili e militari. A fare gli onori di casa il patron Rogante, che ha ricordato tutti gli artisti che in questi cinque decenni hanno dato linfa vitale alla rassegna.
Prima le note della banda "Umberto Montanaro", poi le voci di Patrizia Bellocchio e Sandra Speranza, hanno dato il benvenuto agli ospiti della rassegna, dopo la benedizione impartita da don Sario Chiarelli.
Al sindaco Luigi Pinto e all'assessore alla cultura Annamaria Notaristefano, il compito di elogiare la mostra come un evento culturale che in questo mezzo secolo ha reso Mottola la città dei talenti, vetrina dell'arte. Dall'amministrazione comunale è anche giunta una targa a premiare l'impegno e la costanza di Rogante.
Nel corso della serata, presentata da Maria Florenzio, sono stati consegnati diversi riconoscimenti: a monsignor Cosimo Damiano Fonseca, già cittadino onorario di Mottola, che nel 1971 avviò gli studi sulla civiltà rupestre, portando studiosi da ogni parte del mondo nel villaggio di Casalrotto.
Un riconoscimento anche al professor Pietro Dalena, mottolese d'origine, ordinario di Antichità e istituzioni medioevali all'Università della Calabria: importante il suo contributo, in termini scientifici ed accademici, allo studio della civiltà medioevale.
Anche quest'anno Giovanni Rogante ha voluto premiare due cittadini mottolesi che si sono distinti per il loro operato: Gabriella Pansini, presidente dell'associazione Avamposto. Educativo, "per il coraggio e la serenità che ha dimostrato nell'affrontare la vita, riuscendo a rendersi promotrice di diverse iniziative sociali e di volontariato". A ritirare il premio, il nipote.
Altro personaggio dell'anno il professor Domenico Potenz, "impegnato in maniera seria e continua non solo nel mondo della scuola, ma anche nel sociale, diventando un punto di riferimento per coloro che hanno voglia di superare ogni forma di pregiudizio". A consegnare i premi, il dottor Pino Addabbo, direttore del reparto Oculistica del “Moscati” di Taranto.
Questa 50esima edizione della mostra è stata segnata anche da un un badge personale per ogni artista e da uno speciale annullo filatelico, il cui bozzetto è stato realizzato dall'artista Angela Elia di Martina Franca.
In mostra anche le copertine di tutti i cataloghi che raccontano questi 50 anni. La cover di quest'edizione porta la firma dell'artista Francesco Cavallino di Noicattaro. La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 5 gennaio, serata in cui avverrà la premiazione.