Confindustria Lecce si dimette il vicepresidente

LECCE  di Redazione 

 

Il presidente di Confindustria Lecce, Chiara Montefrancesco, designata appena una settimana fa dopo un lungo commissariamento, ha deciso di rimettere il mandato nelle mani degli associati. Lo ha fatto con una lettera inviata agli stessi associati e al presidente nazionale di Confindustria, Giorgio Squinzi. 

 

Alla base della decisione ci sarebbero i contrasti, interni alla sezione leccese ma anche con i vertici nazionali, su alcune nomine dirigenziali. Montefrancesco ricorda nella lettera il consenso ricevuto nell’assemblea che tuttavia non sembra sufficiente – come scrive – ha permettermi di operare in autonomia scelte essenziali per andare avanti, assunte con entusiasmo e , magari, con giovanile lena, e se volte con inesperienza, ma sempre in buona fede. L’impegno della Montefrancesco è stato quello di avviare un’azione tesa a rimettere l’associazione al centro della vita delle imprese e nel cuore delle problematiche dello sviluppo territoriale. Intervenendo su temi programmatici e organizzativi. Note che sarebbero state sanzionate, in particolare da Roma sarebbe arrivato lo stop alla conferma per tre mesi del direttore Antonio Corvino. Una scelta quella di Montefrancesco, subito criticata dal vice presidente vicario di Confindustria Lecce, Eliseo Zanasi, che l’altro ieri aveva deciso di lasciare l’0incarico.