Bari, adescava minori su chat

BARI   di Maria Luisa Troisi

 

Un 39enne incensurato, della provincia di Bari, è stato arrestato dagli agenti della polizia per corruzione di minorenne, pornografìa minorile ed adescamento di minorenni. Li adescava sui social. 


Utilizzava falsi profili per adescare e molestava ragazzine sui social network . Un uomo di 39 anni, incensurato, della provincia di Bari, è stato arresati dagli agenti della polizia che gli hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare. Deve rispondere di corruzione di minorenne, pornografìa minorile ed adescamento di minorenni. I reati , secondo quanto è stato accertato dalle indagini, sono stati commessi nel periodo tra il 13 marzo e il 1 settembre 2015 nei confronti di sei ragazzine di età inferiore ai quattordici anni. Dopo aver adescato le minori sui social attraverso profili sempre diversi e false identità coincidenti con quelle di un ragazzine di età tra i 14 ed i 17 anni di età e di bell’aspetto, dopo un preliminare scambio di battute, inviava alle minori un notevole numero di filmati porno che lo riguardavano. Le indagini della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Bari consentivano di accertare che l’uomo per adescare le sue vittime utilizzava diversi profili: “Vale Bho”, “Francesco Bho”, “Debora Tricarico”, “Paky Spears”, “Ma Spe” e “Giada Campanelli”. Nonostante la denuncia, partita da alcuni genitori avvisati dalle minori coinvolte, l’uomo ha continuato a reiterare il suo comportamento, dichiarando in chat «non mi bloccare tanto ho molti profili» «ho il modem criptato e quindi nessuno può trovarmi». I poliziotti hanno proceduto con la perquisizione ed il sequestro di diverso materiale informatico e oggetti, per lo più complementi di arredo, ritenuti utili ai fini investigativi ma nonostante ciò l’uomo si è procurato altre apparecchiature informatiche per continuare a molestare altre minorenni. Nel caso specifico, dopo essersi presentato con il nome di “Checco” e aver dichiarato di avere 16 anni e mezzo, l’uomo ha dato inizio ad una relazione sentimentale con una adolescente, convincendola con varie promesse ad inviare sue foto intime e rassicurandola sul fatto che avrebbe cancellato il video.