Ministro Padoan a Trani: "Stupito da declassamento"

TRANI di redazione AntennaSud


Stupito per quel declassamento. Così il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, giunto nel Tribunale di Trani per  deporre come testimone al processo per manipolazione del mercato a carico di cinque tra analisti e manager di Standard & Poor's e della stessa società di rating, imputata in base alla legge sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche.


"Il downgrade di due gradini dell'Italia mi sorprese nel momento in cui il professor Mario Monti stava mettendo in atto misure efficaci per affrontare le situazioni di estrema delicatezza dell'economia italiana. Quindi, la direzione dell'economia andava in verso positivo, mentre il doppio declassamento faceva pensare all'opposto". Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, a Trani per deporre come testimone al processo per manipolazione del mercato a carico di cinque tra analisti e manager di Standard & Poor's e della stessa società di rating, imputata in base alla legge sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche."La parola attacco implica una volontà a danneggiare, ma rilevo che il declassamento produce effetti di indebolimento". "Non so dire perchè ci fu il doppio declassamento. La valutazione di S&P andava in direzione opposta rispetto al risanamento intrapreso dal governo Monti. Evidentemente l’agenzia di rating aveva poco fiducia", ha detto poi il ministro dell’Economia nella deposizione. Padoan è citato dalla pubblica accusa in base al suo precedente incarico di capo economista dell'Ocse. Prima dell'arrivo del ministro il Palazzo di giustizia è stato bonificato con controlli di artificieri e unità cinofile. All'ingresso in aula sono stati compiuti controlli personali con metal detector.