Bari: raccolta indifferenziata nelle feste, i ristoratori chiedono deroga al sindaco

BARI di redazione AntennaSud


La impossibilità di disfarsi dei rifiuti indifferenziati nelle giornate dal 24, giorno della vigilia a lunedì 28, sta diventando materia di discussione per le strade di Bari. 

Dalle 22.30 di giovedì 24, giorno della vigilia, fino alle 12.30 di lunedì 28 scatta il divieto di conferire l’immondizia nei cassoni del misto. Ogni giorno, invece, inclusi i festivi, la frazione organica, il vetro, la plastica, la carta e i cartoni potranno essere buttati in qualsiasi momento negli appositi bidoni colorati.

Il Comune, di Bari non intende fare marcia indietro sulla ordinanza firmata dal sindaco Antonio Decaro a seguito della chiusura della discarica di Trani, provvedimento che vieta di gettare gli scarti indifferenziati nei giorni rossi del calendario. Ma le polemiche tra cittadini impegnati tra cenoni e pranzi di Natale, insieme ai ristoratori che non vedono l'ora di lavorare e a pieno ritmo, non mancano. Il rischio è che strade e marciapiedi vengano invasi dai bustoni maleodoranti e che sulle tangenziali e nelle periferie spuntino nuove discariche abusive. A chiedere una deroga, almeno per il 26, è Dino Saulle, presidente provinciale della Fipe-Confcommercio: «Queste saranno giornate di maggiore affluenza. Lavoreremo a tamburo battente. Da parte nostra, come sempre, c’è la massima disponibilità a collaborare. Ma non possiamo tenere l’indifferenziato nei locali. Gli alimenti attirano topi e insetti». Ma l'assessore all’Ambiente, Pietro Petruzzelli non intende fare sconti neppure ai ristoratori: «Attraverso una corretta differenziata la situazione sarebbe gestibile. Per i titolari dei locali le difficoltà potrebbero riguardare al massimo l’organico. Per questo chiederemo all’Amiu di incrementare i turni del ritiro e dello svuotamento dei bidoni colorati». E continua «L’anno scorso la Regione, in presenza di più giorni di festa consecutivi, chiese ai privati di tenere aperte le discariche. A breve faremo il punto della situazione con i dirigenti dell’Amiu. Certamente saranno potenziati i controlli. Discuteremo inoltre della possibilità di posticipare il conferimento dei rifiuti indifferenziati: non entro le 22.30 ma dopo la mezzanotte." Ma per ora è solo una ipotesi.