Bari in allerta, aumentate misure di sicurezza

"A Bari e sulla Puglia non c'è un rischio specifico, però tutti dobbiamo essere sommamente responsabili ad affrontare al meglio le cose per contenere i rischi". Lo ha assicurato il prefetto di Bari, Carmela Pagano, al termine della riunione Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica. "A seguito dei fatti francesi - ha spiegato – il nostro governo ha assunto delle iniziative e sono seguiti indirizzi a tutti i prefetti di Italia per fare da un lato verifiche su eventuali obiettivi sensibili, già in corso dalla notte scorsa, e nello stesso tempo affinare il più possibile, in relazione alle situazioni locali, i meccanismi e i dispositivi di controllo del territorio e delle frontiere. Bari ha importanti postazioni di frontiera, aeroporto e porto e all'occorrenza, al momento non concretizzata, saranno utilizzati determinati dispositivi aggiuntivi con reparti speciali dell'esercito".  La questura di Bari ha diramato un'ordinanza per intensificare i controlli e i posti di blocco vicino ai cosiddetti obiettivi sensibili, dall'università alle redazioni giornalistiche alle chiese.  Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che ha partecipato alla riunione del Comitato, ha sottolineato che "stiamo collaborando con le forze dell'ordine pur non essendoci un rischio specifico c'è un rischio generico di allerta come in tutto il Paese e anche Bari è pronta". 

 

Scrivi commento

Commenti: 0